DIARIO DA UNA FINESTRA SUL MARE      

E' articolato in tre sezioni che possono essere lette come un piccolo trattato di psicologia, un saggio di denuncia e un insieme di intense strorie. Di fatto è il diario di una terapeuta che si intravede e si interfaccia in ogni singola storia come protagonista, come voce narrante o come terapeuta. In tutta la narrazione, realtà e fantasia  si integrano e si interfacciano continuamente, rendendo impossibile separare l'una dall'altra.

 

 

 

 

Video Album delle presentazioni Completo

                                                                                                                                                                                                                                                                                                     copertina diario 2 o                                                                                                           
 

Alla magica creatura del drago che vive dentro ognuno di noi e alimenta la nostra

ANIMA SENSITIVA

     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

     
Articolo su MAG del 05 ottobre 2017      
Articolo Lentelocale 13 ottobre 2017      
Articolo Corriere della Locride 17 ottobre 2017      
Articolo Stretto Web 17 ottobre 2017      
Presentazione Cinquefrondi 21 ottobre 2018      
       
lo puoi acquistare online da:      
Amazon      
Il mio libro.it      
laFeltrinelli.it      
Libreriauniversitaria.it      
Ibs.it      

Libraccio.it

     
             
   
Ancora un femminicidio ………!!
… Ci arrabbiamo… Ci indigniamo…
Puntiamo il dito e giudichiamo…
Ne parliamo … ne parliamo …
Ne facciamo oggetto di discussione e di confronto …
ci commuoviamo quando i mass media li raccontano e poi?
Non si parla a sufficienza o quasi non se ne parla per nulla,
di PREVENZIONE che è l'unica soluzione possibile
e l'unica strada percorribile e Vincente.
L'educazione emotiva e il rispetto di sé e degli altri
va iniziata in tenerissima età ed è una forma di educazione permanente
che conferisce benessere al singolo ed alla collettività .
Penso che ognuno di noi possa fare qualcosa anche nel proprio piccolo
poiché tutti possiamo indignarci, tutti possiamo parlarne,
tutti possiamo attivare la discussione e tutti possiamo educare e
pretendere che i nostri figli vengano educati all'emotività
nei luoghi che frequentano.
Non dimentichiamo comunque che la prima grande educazione al benessere emotivo e all'autostima dobbiamo riceverla in famiglia.
   MARCO CHE LEGGE n    ABSTRACT AZALEA o  
           Abstract Azalea pag. 82  
             
             
 

 

 

DIARIO SCOGLIO n

  STAFF o   LIBRI E ROSA o